fbpx

Monopattino elettrico: serve il casco? 

Fino a qualche anno fa, il monopattino elettrico era un semplice giocattolo usato come divertimento da molti bambini. Al giorno d’oggi invece, rappresenta un vero mezzo di trasporto ecologico, alternativo e sbrigativo, soprattutto nel traffico cittadino. È molto amato dagli adulti e riesce a migliorare la mobilità, grazie alla riduzione delle lunghe distanze e delle code nelle strade cittadine.

I monopattini elettrici sono alimentati a batteria e possono avere due ruote o anche tre, a seconda del modello. Spesso sono sprovvisti di sospensioni, il che rende il veicolo non propriamente sicuro.

La batteria è facilmente collegabile ad una qualsiasi presa di corrente, anche quella di casa. Una carica completa permette il funzionamento del veicolo per circa 35 chilometri. Spesso viene preferito ad altri veicoli, per la riduzione del consumo di combustibili fossili, in quanto riduce l’impatto dell’inquinamento ambientale ed al tempo stesso è molto funzionale.

Come dunque accennato, il monopattino elettrico rappresenta una modalità di trasporto che tutela l’ambiente. Presenta molti benefici ma anche dei pericoli, dovuti dalla poca stabilità delle dimensioni delle ruote. Non raggiungono velocità elevate ma comunque, in caso di impatto con auto o con altri ostacoli, può generare gravi danni.

Alcuni enti tedeschi infatti, hanno sperimentato alcuni test, basati su percorsi di guida in diversi contesti, il tutto con un monopattino elettrico alla velocità di 25 km/h. In molti di questi, l’urto ha determinato danni alla testa ed al volto del manichino; in altri test invece, hanno evidenziato lesioni gravi, talvolta fatali.

Queste dimostrazioni dovrebbero spingere i fruitori dei monopattini ad indossare sempre il casco, il quale è obbligatorio solo per i minorenni. Adoperarne uno sui monopattini elettrici dunque, non è obbligatorio, ma è sicuramente consigliato per tutti.

Casco obbligatorio per tutti: una proposta di legge

I monopattini elettrici possono circolare nelle aree pedonali a 6 Km/h e su strade urbane, che però mostrano il limite di 50 km/h. Possono circolare anche nelle piste ciclabili e su strade extraurbane a 25 Km/h. Per guidare questi mezzi elettrici, bisogna avere almeno 14 anni ed ovviamente, i minori devono necessariamente indossare il casco.

Peraltro, è necessariamente vietato condurre con sé passeggeri e per chi non rispetta tali norme, sono previste sanzioni da 50 a 200 euro. Nei casi più gravi è previsto anche il sequestro del mezzo.

Dunque, si consiglia di prestare molta attenzione e di rispettare al meglio le poche regole che sono previste per i monopattini elettrici. Si tratta di buonsenso e soprattutto, di rispetto anche nei confronti delle altre persone che occupano la carreggiata, che si tratti di automobilisti, ciclisti o semplici pedoni.

Il casco per il monopattino è obbligatorio ?

Ancora non è in vigore però, una legge che obbliga l’utilizzo del casco per tutti, ma vi è una proposta di legge in ballo, per valutare quest’obbligo. Il tutto, per assicurare tranquillità nell’utilizzo dei mezzi in questione e per rendere obbligatorio il casco anche agli utenti maggiorenni. Nella proposta di legge, vi è anche la possibilità di estendere maggiori controlli sul rispetto delle disposizioni del Codice della Strada, ordinando l’inasprimento delle sanzioni.

La proposta di legge è indispensabile per far fronte ai molti incidenti pervenuti in questi ultimi mesi, oltre che alla relativa pericolosità nell’utilizzo di mezzi alternativi sulle carreggiate. Questa proposta, sarebbe necessaria per fermare quegli utenti che pensano di guidare come se il monopattino fosse un giocattolo di poco conto.

Inoltre, prevede maggiori controlli da parte degli organi preposti che dovranno poi provvedere con delle sanzioni ad eventuali mancanze di attenzione da parte di tutti coloro che utilizzano i monopattini elettrici e non solo. Il consiglio è quello di informarsi sempre al meglio, in modo tale da non incombere in spiacevoli eventi che potrebbero poi rovinare la passeggiata.

Foto: auto.everyeye.it

Articoli correlati